Recensione film 50 sfumature di grigio

\PREMESSA

Dopo oltre un anno di attesa, è finalmente arrivato nelle sale il film "50 sfumature di grigio". Moltissime ragazze in tutto il mondo avevano già letto, riletto e letto nuovamente i tre libri, e non vedevano l'ora di vedere il film.

Alcune fans si sono dissociate dal film prima ancora di vederlo, visto che l'attore scelto per incorporare Mr. Grey non combacia con il tipo di uomo descritto nel film - non ha gli occhi grigi, però è un bell'uomo. La protagonista femminile invece, è perfetta. Svampita, distratta, carina, e con i capelli scuri.

IL FILM

Io l'ho visto in streaming, in lingua italiana. La qualità del video ovviamente non è paragonabile a quella del cinema, ma francamente sono contenta di non aver speso nulla per vederlo.

Il film non scorre - è sempre difficile adattare una pellicola ad un libro, ma qui praticamente si sono presi solo alcuni spezzoni, altri sono rimasti incompleti, per poi far finire il tutto senza dare alcuna spiegazione (come nel libro).

Quindi chi si guarda il film in sostanza vede la seguente (TRAMA - c'è anche il finale quindi non leggere se vuoi andarlo a vedere):

Anastacia Steele deve intervistare Christian Grey per conto di un amica, che ha l'influenza. La ragazza rimane affascinata dal bel Mr. Grey, scambiando solo alcune parole.

Lui la va a cercare, ed iniziano una specie di "storia". Grey infatti non è interessato alle storie d'amore, e propone alla ragazza un contratto dove sono riportate tutte le sue perversioni (ha allestito una stanza "del piacere" dove pratica sesso sadomaso). La ragazza non firma il contratto, non lo farà durante tutta la durata del film, ma comunque acconsente ad entrare nella stanza sadomaso per vedere cosa fa provare piacere al Signor Grey. A lei piace, ma da lui vorrebbe di più, vorrebbe una relazione normale, che lui però non vuole darle.

Il film si conclude con lei che vuole farsi punire, per vedere fino a che punto può arrivare a farsi male fisicamente, e fino a che punto Grey riesce ad arrivare. Grey quindi la punisce (6 frustate) e visto il dolore, lei decide di andarsene. E se ne va. Finito, Punto.

Una nota positiva secondo me và al regista, che ha saputo montare bene le scene di sesso. I protagonisti si vedono a seno scoperto, ma le parti intime sono ben camuffate, e durante le scene clou la camera arriva fino al limite, lasciando quindi il resto all'immaginazione.

Per il resto, come già detto prima, chi non ha letto il libro rimarrà amareggiato: vede una che si infatua dopo alcune frasi, lui che fa altrettanto, loro che arrivano subito al sodo, sesso, tanto sesso, e poi lei che se ne va.

Penso che molti si aspettavano un altra trama, un altro film, specialmente facendo uscire la pellicola il giorno di San Valentino. Ma il marketing è anche questo. Sono convinta che 1/4 di chi ha visto il film non guarderà il sequel, qualore venisse fatto.

Torna alla home