Ho sempre amato i piani cottura in vetroceramica, e vivendo tra l'Italia e la Svizzera ho scelto di acquistare il piano cottura Electrolux Rex per la mia abitazione in Svizzera, visto che il consumo della corrente è irrisorio e non si rischia di far saltare il contatore se si accendono più cose contemporaneamente, credo sia stata la scelta migliore.

L'estetica del prodotto:

Il piano cottura dispone di 4 punti cottura di dimensioni diverse - uno di questi è regolabile, ovvero si può decidere se attivare la cottura per pentole di piccola dimensione (16 cm di diametro) o se utilizzarlo per le pentole grandi (30 cm di diametro). Gli altri punti cottura sono invece 1 di dimensioni molto ridotte (ca. 12 cm di diametro) e due di pari misura da 30 cm di diametro.
Nella parte bassa del piano vi è un piccolo quadratino che dispone di 4 spie luminose rosse. Queste spie si accendono appena i fornelli sono caldi, e si spengono solo quando si raffreddano quest'ultimi.

I comandi si trovano nel frontalino posto sopra la porta del forno, e le temperature sono regolabili con la velocità da 1 a 10.

Personalmente utilizzo la cottura 10 quando devo far bollire l'acqua per la pasta, o comunque se devo accendere la griglia o per preparare qualsiasi cottura di cibi che richiedono una cottura veloce.

La cottura da 4 a 6 la utilizzo per le preparazioni tipo ragù, mentre raramente utilizzo le cotture da 1-3 (solo quando la macchinetta del caffé si rompe e devo utilizzare la moca).

Pulizia del piano cottura:
E passiamo alla parte fantastica del prodotto. Nonostante ci siano diversi prodotti adatti alla cura dei piani cottura in vetroceramica, io utilizzo generalmente una spugna insaponata. Passando anche la parte abrasiva non si rischia di rovinare il piano, e per le incrostazioni più difficili basta lasciare agire il prodotto anticalcare o qualsiasi altro prodotto per la cucina.
Il commesso mi ha raccomandato di utilizzare solo prodotti indicati, ma in 7 anni di utilizzo non si è mai rovinato.

I vantaggi di un piano cottura in vetroceramica, a parte la velocità nel preparare i cibi, si trovano anche sotto questi punti di vista:

- Non si rovinano le pentole, poiché non c'è alcuna fiamma
- Il piano lo si può utilizzare anche come piano lavoro - io ci impasto il pane o comunque ci poggio qualsiasi ciotola senza correre il rischio che cada
- E' molto bello da vedere e da un senso di pulizia

Gli svantaggi del piano cottura in vetroceramica a mio avviso sono solo 2:
- Il costo è elevato rispetto ad un piano cottura tradizionale
- Il consumo è elevato, e se si dispone di un contatore standard, si rischia di far saltare la luce tenendo acceso sia il fornello che magari il forno o un aspirapolvere

Non vi elenco le caratteristiche tecniche, sarebbe solo uno spudorato copia e incolla dal sito ufficiale, ma vi scrivo la potenza massima assorbita, che è di 2,8 W.

Torna alla home